apicoltura

Prodotti dell'alveare - miele fermentato

fuco_fico - Gio Set 09, 2010 6:42 pm
Oggetto: miele fermentato
ciao ragazzi

ho tolto i melari e poi li ho tenuti in magazzino una 10ina di gg per impossibilita di smielare.

ha un colore molto scuro e ha un odore molto forte pero' al sapore e' buono.

come faccio a capire se e' fermentato ?
Gioacchino - Gio Set 09, 2010 7:45 pm
Oggetto:
Non ho esperienza in merito ma non creedo che in 10 giorni possa fermentare (magari mi sbaglio), comunque prova a smielare e vedi com'è, magari è melata e ha un odore diverso dal miele che sei abituato a raccogliere Confused
aztekia - Ven Set 10, 2010 1:35 am
Oggetto:
non penso che in una settimana vada in fermentazione. Cmq, osserva il miele disopercolato (che deve essere limpido, senza schiumetta o bollicine d'aria), e quello opercolato (l'opercolo deve essere più o meno liscio, non gonfio a palloncino). E poi assaggialo ed annusalo, ti accorgerai se c'è qualcosa che non va!
sapiens - Ven Set 10, 2010 1:01 pm
Oggetto:
Ha ragione aztekia. Tuttavia in questi 10 giorni bisogna vedere se il miele disopercolato ha assorbito umidità.(quello opercolato è al sicuro).

Se il disopercolato è poco, no problem , se invece è abbastanza, allora è meglio controllare. Bisogna vedere come era l'umidità dell'aria in quesi 10 giorni.

Comunque se è ancora bello denso nessun problema altrimenti rischi che se l'umidità è troppo alta, ti fermenti in futuro. Ci vorrebbe un refrattometro per controllare il miele una volta smielato.(vedi quelli cinesi che costano poco).

Ti faccio un esempio. Giorni fa ho raccolto qualche telaio da nido pieno di miele con molti opercoli ancora aperti. Ma siccome l'umidità dell'aria era molto bassa, restando all'aperto coperto in qualche modo con un pò di nylon non ha assunto per niente umidità.

Quando ho smielato, l'umidità esterna era molto alta, tutto il miele che mi è rimasto fuori (gli scarti, quelo sul banco ecc...) è diventato liquido in una notte di pausa.

Quindi controlla comè il disopercolato.
fuco_fico - Ven Set 10, 2010 1:06 pm
Oggetto:
quando ho smielato era tutto liquido.
ora e' nel maturatore e aspetto il 25 per imbarattolarlo...vediamo
andreageko - Sab Set 11, 2010 2:49 pm
Oggetto:
Buon giorno a tutti, ho fatto la mia prima smielatura lunedi, poca roba ma sono cmq contento, maggio l'ho perso per via dell'acqua! c'erano diversi telaini non opercolati ma il miele era bello denso... ho il dubbio che possa fermentare....ma se è denso non dovrebbe vero?

grazie a tutti
Andrea
Gioacchino - Sab Set 11, 2010 2:54 pm
Oggetto:
Ciao e benvenuto, dovresti passare a presentarti dalla sezione apposita.
Per quanto riguarda il miele non si può dire così se fermente o no, comunque più è denso e meglio è sicuramente. Se hai dubbi puoi tenerlo in frigo così sei sicuro, magari ne tieni fuori un barattolino e vedi come va. L'ideale sarebbe misurare l'umidità con un rifrattometro
sapiens - Sab Set 11, 2010 2:55 pm
Oggetto:
Se è bello denso non dovrbbe avere problemi.......

Comprati un refrattometro così non vivrai più nel dubbio! messa
andreageko - Sab Set 11, 2010 3:05 pm
Oggetto:
si si c'ho pensato... sarà il prossimo acquisto.... ma in quanto dovrebbe fermentare? ci vogliono giorni? mesi?
spero rimanga buono come lo è ora.... al massimo se fermenta farò idromele da regalare a natale Smile

ora ho tre alveari e con tutto quello che ho speso.... eheheheh ogni barattolino varrà almeno 100 euro
Gioacchino - Sab Set 11, 2010 3:56 pm
Oggetto:
é normale, anch'io sono sotto in maniera incredibile Crying or Very sad
sapiens - Sab Set 11, 2010 4:58 pm
Oggetto:
Dipende tutto dalla quantità di acqua in eccesso e dalla temperatura a cui è stoccato. potrebbe impiegarci mesi come settimane.

vecchio
stefanoada - Dom Set 12, 2010 1:34 pm
Oggetto:
andreageko ha scritto:
si si c'ho pensato... sarà il prossimo acquisto.... ma in quanto dovrebbe fermentare? ci vogliono giorni? mesi?
spero rimanga buono come lo è ora.... al massimo se fermenta farò idromele da regalare a natale Smile

ora ho tre alveari e con tutto quello che ho speso.... eheheheh ogni barattolino varrà almeno 100 euro


Temo che un maturatore, mi stia fermentando....arggg. E' possibile recuperarlo per fare idromiele? Se si, avete un' idea del procedimento?
Gioacchino - Dom Set 12, 2010 1:41 pm
Oggetto:
C'era qualcosa di dettagliato sul sito di apicolturaonline. Peccato per il tuo miele Mad
andreageko - Dom Set 12, 2010 2:13 pm
Oggetto:
può essere usato anche per pasticeria....il miele fermentato non è dannoso per la salute, è solo vietata la comercializzazione!
andreageko - Mer Set 15, 2010 8:34 pm
Oggetto:
mi è arrivato il rifrattometro, ho misurato la percentuale del miele nel maturatore 18,5 % un pò altina forse

sempre che ho tarato bene il tutto
Gioacchino - Mer Set 15, 2010 8:48 pm
Oggetto:
Se non sbaglio il limite massimo è 18 quindi sei al limite
andreageko - Gio Set 16, 2010 12:29 am
Oggetto:
leggevo ora il libro "le api" che riporta quanto segue:

Se al momento dell'invasamento e dell'inizio della conservazione il miele ha percentuale di acqua tra 17 e 19%, avremo un prodotto che tende a non solidificare presto. Se la percentuale è al di sotto del 17% il miele solidifica prestissimo. se la percentuale supera il 19% e il miele è conservato tra i 10 e i 20°C, c'è il rischio che il prodotto fermenti.
fuco_fico - Gio Set 16, 2010 8:38 am
Oggetto:
dove l'hai preso ? a quanto ?
andreageko - Gio Set 16, 2010 10:35 am
Oggetto:
ebay a 47 € arrivato in 2 giorni Smile
fuco_fico - Dom Set 19, 2010 1:39 pm
Oggetto:
e' tarato bene ? insomma, funziona ?
andreageko - Lun Set 20, 2010 10:03 am
Oggetto:
lo devi tarate da solo, con un liquido contenuto nella confezione e con una vite posta poco prima del prisma
pier - Dom Set 26, 2010 7:30 pm
Oggetto:
Ciao ragazzi anch'io ho mezzo secchio di milele fermentato...me ne sono accorto dal sapore un pò acidulo che aveva rispetto, a quello che avevo smielato la prima volta...su un topic ho letto che i telaini col miele fermentato si possono dare alle api da ripulire...secondo voi quindi se lo conservo per preparare del candito per la nutrizione invernale va bene? o rischio di avvelenare le mie apette? Confused
fuco_fico - Sab Ott 02, 2010 10:05 am
Oggetto:
allora

il miele l'ho portato in un istituto di zooprofilassi dove fanno le analisi sugli alimenti..
il mio miele e' sanissimo Smile
per quelli che hanno dubbi che il proprio miele sia fermentato gli posso dire che mi hanno fatto annusare e poi assaggiare un miele fermentato.
beh vi posso dire che l'odore e' motlo pungente e sa di miele con aceto e sale Shocked
vi dico questo per tranquillizzarvi perche' se il vostro miele e' fermentato vi accorgete sicuramente che c'e' qualcosa che non va anche se non sapete riconoscere un miele fermentato.
l'odore e' forte e il sapore e' acidulo.

ah...e poi diventa molto liquido perche' lo zucchero si trasforma in alcool
niko - Mer Apr 06, 2011 1:38 pm
Oggetto:
ragazzi,un dubbio ho provato a leggere sul contessi ma c'è scritto solo che può essere usato per scopi industriali(quali nello specifico non c'è scritto).
Ma il miele fermentato può essere dato alle api oppure può comportare malattie?come poi chiedeva qui sopra anche pier...
fuco_fico - Gio Apr 07, 2011 7:50 am
Oggetto:
lo puoi dare tranquillamente alle api
niko - Gio Apr 07, 2011 1:24 pm
Oggetto:
Grazie,aspettando una risposta già glielo avevo dato Rolling Eyes
loriana - Dom Apr 17, 2011 1:37 pm
Oggetto:
io di solito mischio la propoli con del miele, e poi ne prendo un cucchiaino al giorno che mi fà lo stesso effetto di 10 caffè, oggi quando l'ho aperto, ho visto delle bollicine, allora siccome non butterò mai via la mia propoli col mio miele l'ho mischiato per benino e me lo sono preso lo stesso. poi ho messo tutto nel frigo cosi si ferma la fermentazione, spero. che dite ho fatto una sciocchezza? spero di non andare in OT,ma vorrei fare un'altra domanda: come si fà a fare rimanere il miele liquido? a me dopo un po solidifica, anzi cristallizza. Sempre grazie a tutti per la gentile disponibilità.
sapiens - Dom Apr 17, 2011 1:52 pm
Oggetto:
Quando cristallizza, lo metti a bagnomaria a 40 gradi o anche meno e torna liquido.
loriana - Dom Apr 17, 2011 2:01 pm
Oggetto:
Sempre grande Sapiens!!!!!
salvatore1954 - Lun Mag 09, 2011 1:55 pm
Oggetto:
Salve Ragazzi, volevo sapere, gentilmente, qual'è la temperatura massima che il miele può ricevere senza che si alteri il gusto e l'olfatto caratteristico e quant'altro. Avendo, in alcuni barattoli del miele solidificato per la temperatiura "fredda" dell'ambiente, l'ho messo nel cruscotto dell'automobile, parcheggiata al sole, e nel giro di alcune ore si è liquefatto assumendo un colore biondo scuro. Ancora non l'ho assaggiato, però volevo sapere, per un prossimo futuro, di regolarmi di conseguenza.
Grazie
sapiens - Mar Mag 10, 2011 12:13 am
Oggetto:
Difficile dirlo.

Non superare i 38-40 gradi. Anche se il gusto o l'odore timangono inalterati si potrebbero distruggere gli enzimi inesso contenuti.

Tu mi diarai, a 38 gradi non si rovinano gli enzimi?....non lo so, so solo che non è molto alta come temperatura e che nell'arnia quelle temperature vengono raggiunte.
fuco_fico - Mar Mag 10, 2011 8:28 am
Oggetto:
perche' non si sciupi non deve superare i 40-45°
caesar - Gio Mag 12, 2011 8:30 pm
Oggetto:
ciao, ho circa 80kg d' acacia che ho smielato da melari con solo un 30% di celle opercolate, perchè mi servivano i melari.

il miele se scuotevo il telaino, o lo tenevo orizzontale, non usciva dalle celle.. non colava fuori...

nello smielamento si era abbastanza fluido ma nemmeno troppo....

ora è nel maturatore chiuso...

posso fare qualcosina per scongiurare una fermentazione?! o almeno che aiuti
Silvia Marchiol - Gio Mag 12, 2011 8:56 pm
Oggetto:
Accendi il deumidificatore nella stanza dove tieni il miele. Scusa la brevità ma ho un attacco di invidia. Mad
caesar - Gio Mag 12, 2011 9:15 pm
Oggetto:
Silvia Marchiol ha scritto:
Accendi il deumidificatore nella stanza dove tieni il miele. Scusa la brevità ma ho un attacco di invidia. Mad


ahah mi hanno detto che nn serve... funziona solo se fatto con i melari
apesolitaria81 - Gio Mag 12, 2011 10:22 pm
Oggetto:
caesar ha scritto:
Silvia Marchiol ha scritto:
Accendi il deumidificatore nella stanza dove tieni il miele. Scusa la brevità ma ho un attacco di invidia. Mad


ahah mi hanno detto che nn serve... funziona solo se fatto con i melari


Infatti dovevi deumidificare prima..adesso ti ci vorrebbe un deumidificatore a piastre rotanti specifico per il miele...ma costano molto !! scusa ma usare un refrattometro no ? cosi lo sapresti prima di smielare se è troppo umido !!! Wink
Al limite lo tieni al caldo e provi a girarlo di tanto in tanto....però trova un refrattometro perché magari non serve deumidificare! ciao
Silvia Marchiol - Gio Mag 12, 2011 10:55 pm
Oggetto:
Si però essendo il miele igroscopico, anche se è chiuso nel maturatore, penso sia meglio abbattere anche l'umidità della stanza. In particolare in questi giorni di primi caldi. Che afa fa!
caesar - Ven Mag 13, 2011 6:11 pm
Oggetto:
scaldare può solo aumentare il rischio di fermentazione... il refrattometro non ce l' ho... spero in buon fortuna Sad

anzi cerco di venderlo subito!
Denis - Dom Mag 22, 2011 12:08 pm
Oggetto: miele di acacia, melario non del tutto opercolato.
ciao
vi spiego il mio problema.
poiche questo è il mio primo anno di produzione, ho dovuto far costruire ai miei alveari tutti i melari da foglio cereo.
la produzione nonostante tutto è stata buona, ma ho notato che le api hanno opercolato su un totale di 50 telaini solo una decina di essi.
volevo chiedervi se ciò può influire sulla qualita del miele?, le api inseriscono nelle celle solo miele maturo? se smielo corro il rischio di fermentazione?

diciamo che la fonte nettarifera oramai è al 20 % in forte calo!
fuco_fico - Dom Mag 22, 2011 12:51 pm
Oggetto:
10 su 50 sono pochini. il rischio di fermentazione e' alto.

le api inseriscono il miele nelle cellette. appena inserito e' umido poi loro portano l'umidita' sotto al 20% per quasi tutti i mieli (tranne per la sulla mi sembra che va oltre il 23%). una volta che l'umidita' e' sotto livelli tali da rendere stabile il prodotto le api lo opercolano.

ma hai la necessita' di fare un monoflora ?
perche' se cosi non e' non devi far altro che lasciare i melari su in attesa che te li opercolino

se invece devi fare un monoflora, beh benvenuto nel club dei deumidificatori Smile
sapiens - Dom Mag 22, 2011 12:55 pm
Oggetto:
Bisogna misurare l'umidità del miele.
Anche io ho tolto uno dei melari di paulonia che non era opercolato ma una volta misurato ho visto che era asciutto lo stesso e ho smielato senza problemi.
caesar - Dom Mag 22, 2011 1:13 pm
Oggetto:
rischi che fermenti...

se non l' hai ancora smielato ed è nei melari mettili sfasati in una camera chiusa con un deumidificatore acceso

se hai già smielato vendilo il prima possibile!
fuco_fico - Dom Mag 22, 2011 1:18 pm
Oggetto:
il deumidificatore va usato solo per monoflora per il millefiori aspettate che tutto sia opercolato
br1x1 - Dom Mag 22, 2011 7:46 pm
Oggetto:
Ciao Caesar, penso che vendere miele che magari fermenterà sia più dannoso che buttarlo.
Scusa se mi permetto ma se rifili a qualcuno del miele che andrà a male sarà molto difficile che torni da te se non per farsi rimborsare e sicuramente non ti farà una gran pubblicità.
Penso che allo stadio attuale ti convenga acquistare un rifrattometro e accertarti della situazione.
caesar - Dom Mag 22, 2011 7:51 pm
Oggetto:
br1x1 ha scritto:
Ciao Caesar, penso che vendere miele che magari fermenterà sia più dannoso che buttarlo.
Scusa se mi permetto ma se rifili a qualcuno del miele che andrà a male sarà molto difficile che torni da te se non per farsi rimborsare e sicuramente non ti farà una gran pubblicità.
Penso che allo stadio attuale ti convenga acquistare un rifrattometro e accertarti della situazione.


il miele dopo circa già 1 mese dalla smielatura non è fermentato e l' ho già venduto al 70%... e quasi sicuramente lo consumeranno nei prossimi mesi...

io rischio...

se qualcuno nn lo consuma e poi fermenterà... spero ritorni e gli regalerò altro miele...
Kross - Mar Mag 24, 2011 8:59 am
Oggetto:
Giusto per conoscenza...su L'Apis di maggio (pag.14) c'è un articolo piuttosto interessante, che parla di come deumidificare il miele DOPO la smielatura, se occorre.
Occorrente: un deumidificatore, una pompa ed un maturatore.
In poche parole, si tratta di deumidificare l'aria del locale di lavorazione (sotto il 50%) e di far ricircolare il miele, in modo che esca dal maturatore e venga ripompato all'interno dello stesso: ovviamente, esce dal rubinetto e rientra dall'alto, grazie alla pompa.
Se poi, alla sommità del maturatore, si posiziona anche un ripiano in inox (vassoio) sul quale far cadere il miele e da qui lasciarlo scivolare dentro il maturatore (in modo che una maggiore quantità di miele venga a contatto con l'aria deumidificata del locale), il risultato si ottiene ancora più velocemente.
In particolare, l'articolo riporta i dati di una sperimentazione fatta su 6 fusti di miele di castagno, con umidità che andava dal 19,5 al 20,5 %...dopo 15 ore di ricircolo, l'umidità è scesa al 17,6%.
caesar - Mar Mag 24, 2011 1:59 pm
Oggetto:
Kross ha scritto:
Giusto per conoscenza...su L'Apis di maggio (pag.14) c'è un articolo piuttosto interessante, che parla di come deumidificare il miele DOPO la smielatura, se occorre.
Occorrente: un deumidificatore, una pompa ed un maturatore.
In poche parole, si tratta di deumidificare l'aria del locale di lavorazione (sotto il 50%) e di far ricircolare il miele, in modo che esca dal maturatore e venga ripompato all'interno dello stesso: ovviamente, esce dal rubinetto e rientra dall'alto, grazie alla pompa.
Se poi, alla sommità del maturatore, si posiziona anche un ripiano in inox (vassoio) sul quale far cadere il miele e da qui lasciarlo scivolare dentro il maturatore (in modo che una maggiore quantità di miele venga a contatto con l'aria deumidificata del locale), il risultato si ottiene ancora più velocemente.
In particolare, l'articolo riporta i dati di una sperimentazione fatta su 6 fusti di miele di castagno, con umidità che andava dal 19,5 al 20,5 %...dopo 15 ore di ricircolo, l'umidità è scesa al 17,6%.

straquoto
Denis - Mer Mag 25, 2011 8:50 pm
Oggetto:
ciao
modifica delle quote
su 50 telaini circa 30 sono opercolati quindi con questi faro miele di accacia.
gli altri rimarranno per il castagno (li segnero e faro 2 fiori"). mettero anche telaini svuotati per puro castagno. speriamo
g.cassetta - Mer Giu 08, 2011 11:11 am
Oggetto:
Pongo una domanda...

Ho una quindicina di kg di millefiori con umidità del 21%... nonostante i telaini fossero opercolati al 90%!!!
Ho fatto la seguente prova:

Ho invasettato un barattolo da 500g e l' ho messo aperto in forno a 50° per 2 ore... il risultato è stato che l' umidità è scesa a 18,5%... ma il miele si sarà alterato?
fuco_fico - Mer Giu 08, 2011 11:19 am
Oggetto:
50° sicuramente bene non gli hanno fatto Smile
g.cassetta - Mer Giu 08, 2011 12:00 pm
Oggetto:
Beh forse abbassando la temperatura e aumentando il tempo andrebbe meglio... magari 40° per una notte in forno ventilato...
fuco_fico - Mer Giu 08, 2011 12:02 pm
Oggetto:
il fondi miele e' tarato sui 32°
Kross - Sab Set 01, 2012 11:15 am
Oggetto:
Ciao a tutti...quesito: sto smielando il castagno (sì, lo so che è tardi...non ce l'ho fatta prima), ho trovato UN telaino che è fermentato, alcuni opercoli sembrano come scoppiati (l'effetto visivo sul favo è come quello della 'covata sparsa'), il colore della cera è di un giallastro strano, ocra...ed il sapore fa proprio schifo, sa di alcool.

Il resto di quel melario sembra a posto, così come gli altri, il miele dei favi smielati finora è buono, castagno 100%.
Il controllo a campione con il rifrattometro mi da un'umidità non superiore al 19%, che sul castagno mi sembra che vada bene.

I melari sono sempre stati in una stanza a 23-24 °C, impilati incrociati, con deumidificatore perennemente acceso.
Ho messo quel telaino da parte ed ora farò molta attenzione a tutti gli altri.

E' possibile che fermenti il miele di un solo telaino?
ciuffo - Sab Set 01, 2012 11:56 am
Oggetto:
Dopo un mese che li hai tolti, ma che cosa strana!
fuco_fico - Sab Set 01, 2012 2:48 pm
Oggetto:
no piu' che altro e' strano che sia fermentato su melario. ma era opercolato ?
Kross - Sab Set 01, 2012 10:47 pm
Oggetto:
Allora...ho ricampionato con il rifrattometro tutti i melari, l'umidità del miele opercolato va dal 18 al 20%.
Fa eccezione QUEL melario, nel quale l'opercolato mi da 22% di umidità.

La deumidificazione nel locale funziona, l'umidità è sempre intorno al 45%...il castagno non opercolato, inoltre, fa meno del 16%.

Parlato oggi con vecchio saggio (Emilio Rolle, forse qualche piemontese lo conosce), mi ha detto che è una cosa che sul castagno può succedere...mi ha consigliato di tenere quel melario da parte e smielarlo per conto suo, per poi provare a venderlo (o regalarlo) a qualche pasticceria.
...e di NON darlo alle api, il poco alcool che contiene non farebbe loro affatto bene.

Mi ha anche consigliato, per il prossimo anno, di cercare una postazione per il castagno che sia in pieno sole, la mia di quest'anno era in piena ombra.
sapiens - Sab Set 01, 2012 11:24 pm
Oggetto:
dovevi disopercolarlo tutto Shocked
sirio - Lun Set 03, 2012 8:35 am
Oggetto:
visto che c'e l'hai prova a fare l'idromele, tanto devi comunque farlo fermentare Smile magari dico una cavolata, magari lo si fà fermentare dopo, bo Very Happy
Kross - Lun Set 03, 2012 10:14 am
Oggetto:
sapiens ha scritto:
dovevi disopercolarlo tutto Shocked

In effetti...beh, perlomeno ho imparato che con il castagno non basta controllare l'umidità di 4 o 5 telaini a caso, ma è meglio campionare tutti i melari.

sirio ha scritto:
visto che c'e l'hai prova a fare l'idromele

Ci ho pensato, ma non ho il tempo e la voglia necessari per fare le cose per bene...ora vedo, se qualche pasticcere me lo prende bene, altrimenti mia morosa è già lì che pensa a che torte fare.
sapiens - Lun Set 03, 2012 12:14 pm
Oggetto:
non è che c'era qualche tarma gironzolante su quel telaino?
Kross - Mar Set 04, 2012 8:51 pm
Oggetto:
Non mi sembra, ma non ho fatto particolare attenzione alla presenza di tarme...domani guardo bene.
...però è tutto il melario che è nettamente più umido degli altri.
raffo - Mer Set 05, 2012 9:41 am
Oggetto:
Il castagno opercolato umido è un classico. Nel tuo caso ti ha fregato il gran caldo che ha fatto partire la fermentazione praticamente subito.
Se i melari non sono troppo opercolati (50-60%) di solito si iperdeumidifica la parte non opercolata per compensare la maggior umidità della parte opercolata ed avere una bassa umidità globale una volta smielato
Kross - Mer Set 05, 2012 10:53 am
Oggetto:
Confermo, nessun segno di tarme.

Smielando, ho cercato di porre la massima attenzione ad ogni singolo telaino...ma la domanda che ora mi gira in testa é: se qualcuno mi è 'scappato' e quindi un po' di miele in via di fermentazione è finito nella smielatura, ora che succede?
...nel senso, rischio che mi fermenti l'intero maturatore, o perchè la fermentazione prosegua deve esserci comunque un'umidità globale alta?
raffo - Mer Set 05, 2012 10:55 am
Oggetto:
Giusta la seconda Smile
Kross - Mer Set 05, 2012 10:59 am
Oggetto:
Grazie Raffo, un bel sollievo. great
raffo - Mer Set 05, 2012 11:24 am
Oggetto:
Tienilo comunque monitorato.
Prima che il miele raggiunga una certa omogeneità di umidità potrebbe passare del tempo.
Potrebbero esserci zone del maturatore ad umidità sufficentemente alta per consentire lo sviluppo dei lieviti con conseguente produzione di nuova acqua libera.......bla.......bla......bla.
Per esempio a volte capita che appena invasettato, il miele in controluce appaia con delle striature ad onda con linee di qualche millimetro che sembrano più luminose e linee sempre di qualche millimetro che sembrano più opache.
Questo è dovuto al diverso indice di rifrazione del miele a seconda dell'umidità.
Ovviamente la diversa umidità determina anche una diversa viscosità, quindi quando si va ad invasettare si ha un flusso di miele più denso "avvolto" in un flusso di miele meno denso, da qui la formazione delle striature che tipicamente sono visibili nella parte alta del vaso e cioè nl punto in cui tendiamo a chiudere il rubinetto per rifinire il riempimento.
nel tuo caso kross per ovviare al problema potresti tirare giù un secchio di miele ogni tanto e ributtarlo soprea favorendo il rimescolamento.
Kross - Mer Set 05, 2012 11:53 am
Oggetto:
Ok, farò così.
Pensavo anche di chiudere il maturatore non con il coperchio, ma solo con la rete in nylon del filtro a sacco, lasciare il deumidificatore acceso nei paraggi e dare una mescolata ogni giorno con un cucchiaione.
raffo - Mer Set 05, 2012 12:00 pm
Oggetto:
Se lo fai per sicurezza fai cadere una goccia di miele su una superficie pulita, se con il passare dei giorni questa goccia rimane a "pallina" ed aumenta di viscosità significa che anche il tuo miele si stà deumidificando se invece la goccia di miele si squaglia e diventa acquosa significa che anche il miele nel maturatore stà assorbendo umidità
Kross - Mer Set 05, 2012 12:38 pm
Oggetto:
Il locale dove tengo i maturatori è piuttosto piccolo (3x4), con il deumidificatore l'umidità scende velocemente per stabilizzarsi sul 43-44%...con questi valori, se non erro, il miele dovrebbe cedere e non assorbire.
In ogni caso, terrò d'occhio le goccioline che cadono dal rubinetto sul vassoio di plastica che c'è sotto.
raffo - Mer Set 05, 2012 12:45 pm
Oggetto:
Vero ma le goccie ti danno un parametro visivo infallibile, se non si squagliano stai sicuro.

OT
Cambia gli OR dei rubinetti Smile e se sono di plastica cambia direttamente i rubinetti
Kross - Mer Set 05, 2012 1:54 pm
Oggetto:
Grazie ancora Raffo...OR tutti nuovi di quest'anno e rubinetti un po' in plastica un po' in acciaio: le poche gocce che scendono, scendono nelle prime ore dopo avere invasettato qualche barattolo (in pratica, è il poco miele che rimane fuori dopo avere chiuso).
Kross - Mar Set 18, 2012 9:46 am
Oggetto:
Aggiornamento: da un paio di settimane a questa parte, tolgo un paio di secchi al giorno e li ri-rovescio nel maturatore, usando comunque sempre il doppio filtro, a rete e a sacco, non tanto per pulirlo, ma per fare in modo che una maggior quantità di miele venga a contatto con l'aria.

Sto tenendo il maturatore sempre aperto, con il filtro sopra (tanto prima di invasettare rifiltrerò il tutto passando il miele poco per volta nel maturatore piccolo, da 50).
L'umidità del locale è stabile sul 41-42%.
Ieri ho provato con il rifrattometro a misurare l'umidità del miele in uscita dal maturatore ed in alto, prendendone una goccia subito sotto la schiuma...entrambe le misurazioni mi hanno dato un'umidità al 18%.

Che ne pensate, continuo ancora per un po' di tempo?
miss bell82 - Gio Nov 01, 2012 10:37 am
Oggetto:
Ragazzi, riprendo questa discussione per chiedervi:
-il miele fermentato può essere utilizzato per preparare dolci senza rischi? Leggevo qualche post prima che lo si impiega in pasticceria. Il mio, che risale a circa un anno fa, è meglio buttarlo?
-si può utilizzare in altra maniera, per preparare candito o altro?
Mi affido alla vostra esperienza.
apepigna - Gio Nov 01, 2012 7:02 pm
Oggetto:
Alle api non lo darei....
meglio usarlo per i dolci...
o per i biscotti
Io personalmente l'ho usato per fare biscotti.
ciao
Silvia Marchiol - Gio Nov 01, 2012 9:04 pm
Oggetto:
Prima di impiegarlo lo pastorizzerei per fermare la proliferazione di lieviti e limitare l'alterazione del prodotto. Su "Conoscere il miele" di Sabatini-Bortolotti-Marcazzan c'è scritto: rapido innalzamento della temperatura del prodotto, fino a raggiungere il valore di 72°, il mantenimento di tale temperatura per circa 6 minuti e infine un rapido raffreddamento della massa di miele trattato, fino a circa 40° C.
sirio - Ven Nov 02, 2012 10:10 am
Oggetto:
silvia ma per effetuare tale procedimento bisogna avere dei mezzi che ti consentano il mantenimento dellla temperatura, e dei misuratori della stessa, che poi sono il meno visto che si trovano a poco, ma per mantenere la temperatura a 76° per 6 minuti non basta abbassare la fiamma, per il rapido abbassamento a 40 basta mettere in ammollo, in acqua fredda, ma se portiamo a 90 gradi per qualche secondo non è lo stesso? Smile
Silvia Marchiol - Ven Nov 02, 2012 1:53 pm
Oggetto:
Non lo so! Capisco solo il rapido innalzamento della temperatura perchè se invece fosse lento si "coltiverebbero" i lieviti. Forse sopra i 76 si innesca un processo di caramelizzazione. Bisognerebbe scaldarne un pentolone alla volta (10 litri?) e star lì con il termometro da arrosto a controllare la temperatura, a 76° spegnere e se si abbassa troppo la temperatura riaccendere il gas; nel lavandino acqua+ghiaccio pronti per mettere ammollo il pentolone, oppure prima dividere il contenuto del pentolone versandone una parte in un'altra pentola.
filippo - Sab Set 20, 2014 10:18 am
Oggetto:
Salve ragazzi.
Ieri ho iniziato a smielare quel poco che ho fatto di millefiori 60 kg circa.
Purtroppo un mese fa ho avuto un incidente in moto e avendo rotto i polsi ho dovuto rinviare a tardi la smielatura.
Ieri mi sono subito accorto che c'era qualcosa che non andava. Ho notato delle bollicine dentro le cellette non opercolate. Solo in pochi telaini però. Alla sera ho chiamato un amico e abbiamo misurato l'umidità. 20.5 %. Che mi consigliate di fare??? buttare tutto o provare a recuperare qualcosa?
Grazie


Filippo
samstarlight - Sab Set 20, 2014 12:20 pm
Oggetto:
Il valore è leggermente alto. Sicuramente fermenterà, ma non prima di 3-4 mesi secondo me. Se lo invasetti e lo distribuisci alla svelta ad amici-parenti, prima che fermenti l'avranno già consumato tutto.
Ovvio, eviterei di commercializzarlo al pubblico.
nomeutente - Lun Set 22, 2014 5:29 pm
Oggetto:
potrebbe convenire pastorizzarlo "leggermente"

in base alle mie informazioni portarlo a temperatura sui 60° per una mezzoretta potrebbe bastare ad inattivare i lieviti presenti
29danari - Lun Set 22, 2014 11:44 pm
Oggetto:
giusto,perchè perder tempo con i deumidificatori?diamogli una scaldatina....
hari - Mar Set 23, 2014 1:18 pm
Oggetto:
ma se non si volesse misurare la percentuale di umidità, prendendo solo telaini opercolati o almeno quasi tutto opercolato... ci sono rischi di fermentazione?
Una volta smielato in genere 2 settimane circa posso lasciare il miele nei maturatori?
samstarlight - Mar Set 23, 2014 8:12 pm
Oggetto:
hari ha scritto:
ma se non si volesse misurare la percentuale di umidità, prendendo solo telaini opercolati o almeno quasi tutto opercolato... ci sono rischi di fermentazione?
Una volta smielato in genere 2 settimane circa posso lasciare il miele nei maturatori?

A volte, su alcuni mieli e in relazione all'andamento climatico del periodo, le api opercolano miele anche se non è tecnicamente maturo per una corretta conservazione. Ad esempio l'anno scorso avevo l'acacia a 21%, nonostante la maggior parte fosse opercolata, e ho dovuto asciugare il miele prima di smielare con un deumidificatore. Ancora, il castagno, che è spesso molto umido, e può necessitare un nostro intervento.
filippo - Mar Set 23, 2014 8:32 pm
Oggetto:
grazie per la risposta SAM !!

ho saputo che un importante apicoltore della mia città,Lecco,ha un macchinario che abbassa l'umidità del miele.

60 euro di spesa ma almeno salvo 90 kg di miele
hari - Mar Set 23, 2014 9:39 pm
Oggetto:
samstarlight ha scritto:
hari ha scritto:
ma se non si volesse misurare la percentuale di umidità, prendendo solo telaini opercolati o almeno quasi tutto opercolato... ci sono rischi di fermentazione?
Una volta smielato in genere 2 settimane circa posso lasciare il miele nei maturatori?

A volte, su alcuni mieli e in relazione all'andamento climatico del periodo, le api opercolano miele anche se non è tecnicamente maturo per una corretta conservazione. Ad esempio l'anno scorso avevo l'acacia a 21%, nonostante la maggior parte fosse opercolata, e ho dovuto asciugare il miele prima di smielare con un deumidificatore. Ancora, il castagno, che è spesso molto umido, e può necessitare un nostro intervento.


cavolo non lo sapevo! ho sempre saputo che quando era opercolato l'umidità del miele aveva raggiunto l'optimum insomma. Quindi se si volesse mettere in commercio, si dovrebbe sempre controllare l'umidità... e nel caso usare un deumidificatore.
Ma diciamo se si vuole usare per se stessi o darlo a parenti ed amici non dovrebbero esserci problemi, se viene consumato velocemente. è giusto? oppure ho detto una cavolata? XD

p.s. grazie mille per le dritte XD
samstarlight - Mer Set 24, 2014 9:22 pm
Oggetto:
Il miele non è mai tossico per l'uomo, proprio per la sua composizione quasi esclusivamente costituita da zuccheri semplici (glucosio e fruttosio). Se fermentasse, al massimo te la cavi con un mal di pancia.
Considera che comunque, stiamo parlando di una differenza minima. Il grosso del lavoro lo fanno le api, e creano un prodotto pressochè perfetto per la sua conservazione. La differenza tra un miele al 18% e al 21%, è che probabilmente il secondo andrà incontro a un processo di fermentazione, che è comunque molto lento. C'è chi arriva al miele fermentato dopo 6-7 mesi dalla smielatura, chi in 3-4, e chi addirittura dopo un anno, a seconda delle modalità di conservazione.
Una cosa è mettere 1 Kg di miele in 1 litro d'acqua (il giorno dopo fermenta alla grande, e anzi, c'è giusto una ricetta per l'idromele qua in giro ), un'altra è l'avere un miele che ha sì quell'umidità di troppo, che porterà prima o poi alla fermentazione, ma solo dopo un periodo più o meno lungo.
Parenti e amici saranno ben lieti di farlo sparire prima che fermenti Smile

Un piccolo aneddoto : il primo anno che ho prodotto miele, davo per scontato anche io che quando avevo il 75% del miele opercolato, fosse arrivato il momento per smielare senza troppi problemi. Mi è andata bene su acacia, tiglio e melata... ma non sul tarassaco. Quest'ultimo, infatti, siccome era stato prodotto nella primissima parte della primavera, era rimasto notevolmente umido (e il miele era decisamente troppo liquido). L'avevo invasettato senza troppi pensieri (tanto erano poche decine di kg), ma quegli amici che l'hanno dimenticato in un armadietto per qualche mese, quando aprivano il vasetto sembrava che stappassero una sprite dal gas che usciva!
Da allora, controllo sempre con il rifrattometro Smile
Redateo - Dom Nov 16, 2014 8:05 pm
Oggetto:
Io ho del miele già invasettato da due mesi che sembra stia iniziando a fermentare in quanto il suo sapore è diventato leggermente più acido e si forma una schiumetta bianca in superficie.
Che devo fare per fermare la fermentazione??
Mettere in frigorifero o riscaldare? È come??
Grazie
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB