Indice del forum

apicoltura
Indice del forum

discussioni di apicoltura

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum


Raccolta polline
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Prodotti dell'alveare
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
meloinfiore






Sesso: Sesso:Maschio
Età: 72
Registrato: 03/10/08 12:43
Messaggi: 319
meloinfiore is offline 

Località: Malè - Trento

Impiego: Pensionato (ex pubblico dipendente)



NULL
MessaggioInviato: Mar Gen 19, 2010 9:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A proposito di conservazione del polline per autoconsumo io uso un metodo molto semplice: raccolgo il polline fresco che invasetto subito in un contenitore di vetro di adeguata capacità (deve essere quasi colmo, eventualmente mettere in frigo per aspettare il raccolto dei giorni successivi ... non troppi, mi raccomando) e aggiungo miele liquido fino alla copertura completa del polline. Tappo e giro ogni giorno il vasetto: alla fine si ottiene una pappa densa che si consuma a cucchiaiate quando e come si vuole ....
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
sapiens






Sesso: Sesso:Maschio
Età: 54
Registrato: 08/04/08 21:09
Messaggi: 4301
sapiens is offline 







NULL
MessaggioInviato: Mar Gen 19, 2010 10:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mah!, non so se vada bene.

So che il polline va asciugato prima del consumo. Non solo perchè altrimenti umido non si conserva (nel tuo caso non importerebbe) ma anche perchè il polline fresco contiene sostanze che sono, come dire, tossiche. Nel senso che se mangi polline fresco ti brucia la gola e la lingua. Una volta ho provato e ho visto che è vero. Confused

Però se mi dici che invece messo così nel miele non ha gusti strani e non brucia forse a stare nel miele le sostanze tossiche degradano. Cool

Oppure rimangono ma non si sentono Shocked

meglio informarsi meglio Question

Ciao

_________________
The bee revolution is terminated Sad.
.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
admin site

Site Admin





Età: 42
Registrato: 28/03/08 18:46
Messaggi: 790
admin site is offline 

Località: bassa reggiana




MessaggioInviato: Mer Gen 20, 2010 8:37 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Qui c'è abbastanza sul tema. Il polline NON contiene sostanze tossiche ma ha comunque un suo sapore che cambia a seconda della pianta da cui viene. A me il castagno piace moltissimo mentre quello di mais è indegno, va a gusti.
Il polline se non essicato va congelato oppure come fa meloinfiore mischiato al miele con una avvertenza però che data l'umidita alta potrebbe portare a processi fermentativi quindi dovrebbe essere usato un miele particolarmente "secco" oppure consumarlo con una certa velocità cioè non teniamolo a temperatura ambiente per un annetto.
Io lo congelo.

_________________
Le api volano!!!!! Ogni nostro errore si ripercuote su tutto il territorio, meglio non dimenticarlo mai.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Mer Gen 20, 2010 3:35 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un ciao a tutti.. sono adolfo percelsi padre, anzi" zio" editoriale del sito
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Sono appena stato iscritto al vostro forum.Un grazie. Onorato.
----------------


Prendo a caso un argomento su cui ho scritto, penso, circa un centinaio di

file con relative foto allegati. Vedi voce La raccolta pollinica

Polline come , quando , trappola da ingresso; da sotto nido con raccolta dopo tre giorni..( La pigliapolline più bella d'Europa e del mondo..!!!)

-Ingressi di trappolette come miserabili ingressi come volume?..

-Terroristi psicologici ( depressi..) sui disastri da raccolta pollinica..?
------------------

Per chi vuole troverà ( sono presuntuoso) tutto o quasi.
Chi non comprenderà subito le modalità proposte, la mia personale e-mail sarà a sua disposizione

Per me è ancora sempre una grande soddisfazione poter portare avanti questo problema o altri, .. "innnumerevol" e cruciali

Con Stima. "Zio" Adolfo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
stefanoada






Sesso: Sesso:Maschio
Età: 48
Registrato: 14/05/08 15:57
Messaggi: 3045
stefanoada is offline 

Località: monzuno(bo) 250slm
Interessi: orto-pollame vario-energie alternative in genere
Impiego: impiegato



italy
MessaggioInviato: Mer Gen 20, 2010 7:12 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

UNo onore averti fra noi, sono molto contento...
un caloro benvenuto
stefano

_________________
«Stay hungry, stay foolish» "Siate affamati, siate folli"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
stefanoada






Sesso: Sesso:Maschio
Età: 48
Registrato: 14/05/08 15:57
Messaggi: 3045
stefanoada is offline 

Località: monzuno(bo) 250slm
Interessi: orto-pollame vario-energie alternative in genere
Impiego: impiegato



italy
MessaggioInviato: Ven Feb 19, 2010 6:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

oggi nonostante la pioggia a tratti le mie eroine raccoglievano finalmente polline (iniziavo a preoccuparmi di una presunta orfanità) alcune portavano belle palline gialle (presumo nocciolo) altre ne avevano di "bianco sporco" quasi grigio....sarei curioso di sapere di cosa si tratta, lo sapete??

ho supposto ranuncoli, perchè di altre cose fiorite non ne ho viste....avete idee o conferme??
ciao
stefano

_________________
«Stay hungry, stay foolish» "Siate affamati, siate folli"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Mar Feb 23, 2010 8:21 pm    Oggetto:  Re: Raccolta polline
Descrizione:
Rispondi citando

Franz ha scritto:
Nella prox primavera mi piacerebbe provare.
Qualcuno di voi lo fa?

Quanto polline si riesce a raccoglire ogni arnia? E quale è il periodo migliore per mettere la trappola?

-------------------------------------------------

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Voce La raccolta pollinica
( Soltanto..un centinaio di files!)

----------------------------

Gentilissimo Franz.. Volentieri accolgo le tue domande.

Dato poi che sono generali è senz'altro utile aver indicato subito il sito dove puoi trovare argomentazioni, addirittura foto esplicative..


Al primo tuo interrogativo, molto facile, rispondo subito. Dipende dalla famiglia..

Se è forte; se in posti, dove pur restando stanziale ha anche plurime fioriture..
Questo succede sempre a chi è in pianura pedemontana

con castagni il cui profumo stregherà anche le tue api

Il tutto riesce
anche per il fatto che salgono vuote-leggere e solo poi, ma in discesa, con due belle enormi pallottoline che sanno ancora tenere bene in bilico, fino nei loro plurimi silos a "casa"

-----------------------------
Quale il periodo migliore?.

Troverai anche questa risposta. La base però è quella di rispettare la famiglia se in fase iniziale e in ripresa per svariati motivi.

-----------------------
Confido tuttavia che il sognare di incamerare tanto polline,

oggi come oggi, con arnie in cui nascono solo il 60/70% di api, le pigliapolline vanno guardate con un pizzico di tristezza per rispetto alle stesse api...


Comunque sono le api stesse che ti indurranno a prelevare il loro polline
tre giorni per te e quattro per loro, solo in periodi specifici...


Quando noterai moltissime di loro che arrivano ultra cariche deciderai sul da fare..

Saranno le stesse loro misere quantità di polline a farti togliere il cassetto
Franz, ciao e tanti auguri.


Se ci riesco , passerò in rassegna anche "tutte" le domande, quesiti, confidenze, constatazioni a seguire.

(C'è chi si è sentito perfino un ladro)

Di questo passo io sarei senz'altro già un truffatore ricercato da tutte le Polizie del mondo!

Le domande degli amici del forum, anche su questo argomento, sono una più vulcanica delle altre.

Sono didatticamente utili soprattutto quelle che a prima lettura
sembrano sparare a vanvera.. propendendo a chiudere già il discorso in partenza.

Vedremo. Non non è così.
Io ( persuntuoso!?) ne sono sicuro perché conto molto sulla vostra intelligenza

Con stima. "Zio" Adolfo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
davidesv

Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 39
Registrato: 02/04/08 11:51
Messaggi: 2154
davidesv is offline 
Media Voti Post: User is appraised 5.00 out of 5
Località: Liguria
Interessi: apicoltura




italy
MessaggioInviato: Mar Feb 23, 2010 8:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Il problema principale per me è : come si essica il polline per evitare che ammuffisca una volta che lo si è raccolto.
....vado a leggere sul tuo sito, Adolfo, per vedere se ne parli

_________________
one spoon of honey a day keeps the doctor away
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email Skype
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Mar Feb 23, 2010 8:56 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

stefanoada ha scritto:
oggi smielando il castagno, mi è capitata una cosa strana, in alcuni telaini del melario in una famiglia ho trovato celle con polline... vi è mai capitato??
stefano


--------------
Caro "stefanoada"


Grazie per la tua osservazione all'insegna di un giusto stupore..

Tu certamente saprai già che ci sono favi che noi riteniamo a solo miele
ma che in realtà sono ricoperti da opercolo, ma sotto c'è anche polline prezioso.

Si scopre sovente questo quando si decide di "graffiare" anche soltanto una parte di miele, se lo si ritiene utile

( Tra parentesi ..

Preferisco soltanto graffiare che togliere l'intero cappellino-opercolo

Togliere l'opercolo comporta "sgocciolamento" già per il calore liquefante dello stesso gomitolo-glomerico )

------------------------------

Nel tuo favo da mielario potrebbe addirittura esserci stata una visita della regina, per deporre, di solito al centro del mielario stesso

Visto che sotto nel nido, magari ogni centimetro era saturato, molte api allora devono aver organizzano il tutto combattendo strenuamente contro le sorelle che


volevano riempire di miele anche quelle cellette che stavano
preparando per la madre..

Dato che ci sarà stata poi almeno una rosetta di covata, inserirle

attorno e sopra, del polline=proteine per le uova- larve,
è una normale operazione di addette ai lavori
----------------------------------------------------

Forse che sì, forse che no?


Grazie anche per questa tua domanda.
Con stima.

"Zio" Adolfo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Mer Feb 24, 2010 9:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

davidesv ha scritto:
Il problema principale per me è : come si essica il polline per evitare che ammuffisca una volta che lo si è raccolto.
....vado a leggere sul tuo sito, Adolfo, per vedere se ne parli


-------------------------------
da Admin.site
Inviato: Mer Gen 20, 2010 8:37 am Oggetto: Rispondi citando
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


---------------------i.
Il polline se non essicato va congelato oppure come fa meloinfiore mischiato al miele con una avvertenza però che data l'umidita alta potrebbe portare a processi fermentativi quindi dovrebbe essere usato un miele particolarmente "secco" oppure consumarlo con una certa velocità cioè non teniamolo a temperatura ambiente per un annetto.

---------------
Io lo congelo."
-----------------


sono
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Voce la raccolta pollinica

Caro davidesv

Onore al merito all'amministratore.

Anc'h'io lo congelo nel normale frigo zona ghiaccio in vasetti da mezzo chilo

Ho la fortuna di essermi costruito una Pigliapolline da sotto nido che permette di ritirare il polline anche al terzo giorno..

Non ha impurità perché sotto a tutti i favi c'è un pianale

che blocca il materiale che viene portato in esterno dalle api,
in pratica laddove non potrebbe più cadere nel grande cassetto sottostante..
------------------

Qui il discorso è facile solo se si ha un'idea di come è stata

progettata la pigliapolline.

"E' la più efficiente di tutta Europa. Penso dell'intero Globo terrestre"

Tutte le mie arnie hanno questa struttura con raccolta pollinica

Due mielari equivalgono allo spazio-volume di un nido

E' obbligatorio vederne un esemplare, anche solo in allegato..

Puoi trovare il file alla indicazione Pigliapolline da sotto nido

----
Qualche flash..

E' possibile mettere-miscelare assieme polline e miele ma ritengo che il
tutto-come già detto saggiamente da altri- vada consumato entro qualche mese..


Non è facile "trangugiarne" un vasetto neppure in due mesi..

A ciò non va disgiunta la visione indisponente di questa densa marmellata..

Solo raffinati conoscitori sarebbero disposti ad acquistarlo.

Mi è facile, invece, dare-regalare-vendere polline in vasetti di 250 grammi, tenuti in freezer, avvertendo esplicitamente ill cliente di reiserirlo nel suo freezer

--------------------------.

Non pensare di diventare venditori di chili e chili di polline ma di averne almeno a sufficienza per chi ci vuol bene.

---Se i genitori stessi fanno la faccia schifata al momento di assumere palline polliniche, ciò sarà definitivamente deleterio per i piccoli.

Se invece i due genitorisi mettono d'accordo.
"Queste le prendiamo solo noi.
A loro non le diamo proprio..!".


I nostri bimbi o nipotini devono sapere di chi sono e che cosa sono. Stimare già quelle palline.

Dopo di che le si può anche "sbavare" leggermente con un po' di miele..


Pochi granellini per volta.

"Queste palline ti faranno muscoli alla Braccio di ferro! "

Da non far sapere a nessuno
-----------------------
Personalmente quando vado a sciare
se prima di partire "mangio" anche un cucchiaino di polline

riesco a zig zagare dalle 9 fino alle 14, senza fermarmi..

Ciò che mi turba, però, quasi a livello psichiatrico, è

che già nei primi chilometri che mi portano,

supponiamo al Mongenevre, sento una gran gradita voglia di

canticchiare

--------------------------
Il compositore Sibelius
ci ha lasciato anche un famoso valzer triste,
toccante con le ultime note che sfumano a tal punto da fondersi con il silenzio.

La mia tristezza circa la raccolta pllinica?

Le api attuali, secondo dati recenti che ho pur già inviato al sito, sono ormai su una brutta china...

Il veder portare polline a sufficienza o molto poco

penso sia pure una utile diagnosi visiva che ci può dire molte cose,
comprese quelle intrise di speranze inattese.
-----------------------

A presto, altri mini commenti

ai moltissimi interventi sul polline, uno più interessante dell' altro


Con stima, dallo "Zio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Sab Feb 27, 2010 9:14 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Andrea83 ha scritto:
stefanoada ha scritto:
...ma soprattutto perchè era uno strazio vedere le api che ogni volta che rincasavano dovevano contorcersi per passare attraverso i buchetti della trappola.


Sono d'accordo con te...pure io ho provato l'anno scorso per la prima volta, ma al momento del "raccolto" mi son sentito peggio di un ladro considerando che ogni pallina di polline è un viaggio di un'ape Sad Sad

Comunque il polline l'ho conservato in un barattolo di vetro tenuto in freezer...



------------------------------------------------------------------------------

Ciao Andrea-Stefano

per referenze ( Si tratta di grossi discorsi.
Non si può riassumere tutto qui)

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
La raccolta pollinica

-----------------------------------------------------------------

Nel mio comprensorio, ogni anno, da molto tempo

ho la possibilità di seguire sempre anche una specifica lezione sul polline, da parte di un professore universitario.

Completi ed esaurienti i dati esposti sulla composizione del polline

(dagli aminoacidi ai vari acidi lattici che lo fanno maturare e restare sano a lungo senza più fermentare).

Un meritato, dovuto, cioè, dieci e lode. Magna cum laude.

Quando, invece, arriva alla presentazione del tipo di trappole inserite tra le sue diapositive,

sempre le stesse, obsolete, a cielo aperto, senza alcun porticato

che difenda le stesse da piogge sbarazzine

che annegano il tutto in pochi secondi, costringendo l’operatore a ritirare il cassetto, svuotarlo per terra ed inserirlo nell’essiccatoio per bonificarlo dalle sicure muffe già in nuce..

A questo momento, apisticamente,

non c’è che respirare a fondo ed alzare le mani verso il cielo sperando che aiuti a rimanere in silenzio, essendo io in
realtà, presente solo come uditore ospite.

Non è finita

Il peggio arriva quando il Conferenziere aggiunge

“Le api si rifiutano di entrare nelle trappole.

Non va bene sottoporle a questo strazio!!”
---------------
L’anno scorso, dopo dieci minuti che tenevo una mano alzata, il Docente mi ha chiesto cosa intendessi esprimere..Ecco quanto.

“La mia non è una contestazione su quanto detto da lei ma solo aggiungere lo splendore “al bianco che più bianco non si può” su ciò che lei ha già presentato."
--------------------.

"Purché non sia tale solo il sabato pomeriggio, non c’è alcun apicoltore, che inserisca

sùbito sul davanti ingresso dell’arnia, l’intera struttura della piglia polline con già incluso il cassetto

Il serio raccoglitore di polline anche per dieci giorni lascia la sola struttura senza ostacolare la precedente altimetria d’arrivo..

Le api facilmente ri-trovano l' abituale ingresso.

In dieci giorni odorano. profumano ottimamente le “ pareti” della struttura portante, con il tipico odore di famiglia..

Quando verrà inserito l’ultimo pezzo, il cassettino,

le api, in qualche minuto, per il fatto che dalla parete interna opposta
ci sono già centinaia di api che stanno uscendo,

capiscono che si può sgattaiolare e superare l’ostacolo

-----------------

Quest’anno 2010.
Identica lezione sul polline.
Stesse ”strazianti” considerazioni..

Non una in più o una in meno- .
Proprio come nella filastrocca della “Vispa Teresa", in cui non deve mancare nessuna strofa

“ La vispa Teresa avea tra l'erbetta
a volo sorpresa gentil farfalletta.
E tutta giuliva
stringendola viva
gridava a distesa… ”

---------------------------------
Se perfino docenti, già avvertiti, continuano a restare su posizioni false fuorvianti--

Perché stupirci se qualcuno dei nostri amici, con estrema sincerità, confessi di essersi sentito a disagio per il trambusto

o addirittura “per il mini furto” procurato alle proprie api?
------------------------------------------

Sempre con simpatia
(a.p.)-
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
sapiens






Sesso: Sesso:Maschio
Età: 54
Registrato: 08/04/08 21:09
Messaggi: 4301
sapiens is offline 







NULL
MessaggioInviato: Sab Feb 27, 2010 9:26 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
al momento del "raccolto" mi son sentito peggio di un ladro considerando che ogni pallina di polline è un viaggio di un'ape


Per fortuna che non pensi a quanti viaggi corrisponde il miele che gli porti via Confused

Cool

_________________
The bee revolution is terminated Sad.
.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Dom Feb 28, 2010 10:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

stefanoada ha scritto:
io ho provato l'anno scorso, premetto che dopo poco perchè in primo luogo ne avevo fatto abbastanza per la mia famiglia, ma soprattutto perchè era uno strazio vedere le api che ogni volta che rincasavano dovevano contorcersi per passare attraverso i buchetti della trappola.
un signore della mia zona che ha le casse in una zona fortemente
pollinica aveva famiglie che sciamavano in continuazione testualmente

diceva " non riuscivo a tenerle ferme" mi dice che ha risolto il problema proprio con le trappole ruba-polline, in questo modo ritiene che quest'ultime limitino fortemente la sciamatura.

una raccomandazione quando metti le trappole, mettile in tutte le casse dell'apiario, altrimenti potrebbe verificarsi il fenomeno della deriva.
stefano



-----------------------------------------------------
Ciao stefanoada

Troppo comodo se le trappole riuscissero a tener bada la sciamatura. Come tusai le cose sono più complesse

Anch'io come tanti altri ricorro alla divisione della famiglia

Accludo una riposta già data ad un giovane amico
-------------------------
da
Tecnica apistica
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

:
1) Come tentare alla meno peggio di disincentivare le sciamature

Sommario.

Dividere la famiglia . Quanti favi di covata e di “miele” all’una, privata della regina e quanti all’altra?

Dove trasferire-sistemare la nuova famiglia?

A solo mezzo metro, di lato all’ arnia madre
oppure se non c’è spazio

piazzarla sul davanti, quasi a piano terra ( prato), ma sempre nella stessa direzione di arrivo ?
-----------------------

“Zio”, sono Emanuele..

Potresti aiutarmi sui” salassi?”
Con una cassa con 8- 9 telaini coperti dalle api,di cui uno di scorta, quanti telaini ,coperti di api devo togliere per scongiurare
la sciamatura? e quali?


Ho letto il tuo articolo: come disincentivare sciamature.
puoi anche dirmi che sistemi usi per fare le riunioni (passo passo)

Ti ringrazio. Scusa se ti faccio perdere tempo.
Ciao. Emanuele

------------------------------------------
-Emanuele, a maggio siamo già fuori tempo.

Anzitutto rifarsi al mese in cui nel proprio areale le api sciamano

Da me verso il 15 di aprile
L’acacia arriva ai primi di maggio circa

-Ad aprile quando una famiglia è su 4/5 favi di covata ( teniamo cinque per facilitare la cosa a livello didattico, più altri 5 di miele- polline)
------------------------------------

Se fosse già a 7 sarà tutta fatica sprecata …
------------------------
Alla famiglia che resta sul posto, lascio due favi di covata

Alla nuova ne regalo tre, più la regina titolare

.
Perché voglio dare la regina alla nuova famiglia ?
Tutte le bottinatrici torneranno alla casa madre e non da lei..
Avrà, inizialmente, più difficoltà.

La casa madre, pur con delle difficoltà, quantomeno, riceverà tutte le bottinatrici e potrà imbastirsi celle reali..

Degli altri cinque favi “a miele rimasti,

tre, li dono alla trasferita, (= 3 covata + 3 di miele=6 ); aggiungo fogli cerei interi, oppure cornici con barretta- equatore , solo con mini strisce ceree..
Voce Tecnica apistica Favi naturali. Favi equatore
-----------------------
Con i due rimanenti favi di “miele” accudisco la famiglia“ privata della regina.
---------------------------------

Dove sistemare la nuova arnia?

Una accanto all’altra ?...
oppure se non c’è spazio, si può sistemare davanti all’arnia rimasta sul posto, purché almeno avanti un metro e mezzo, più bassa , ma sempre con la precedente altimetria di arrivo

Importante.
Se le cose non funzionassero in una delle due, si potranno sempre ri-unire in una sola, ma avvicinandole l’una all’altra, solo di 50 cm per volta
.
Come saranno fianco a fianco, nebulizzare con acqua e zucchero sia le api che sono sul posto che quelle che diventeranno nuovamente coinquiline...

Se non sono stato chiaro, “e-.mailami”.. Ti risponderò.
-----------------------
Un ciao. “Zio”Adolfo

Ciao Stefanoada,
unitamente a tutto il Master Forum
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Lun Mar 01, 2010 3:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

stefanoada ha scritto:
io ho provato l'anno scorso, ...

una raccomandazione quando metti le trappole, mettile in tutte le casse dell'apiario, altrimenti potrebbe verificarsi il fenomeno della deriva.
stefano


--------------------
Ciao stefanoada.
Scusami se mi servo ancora della tua "vetrina"
----------------------------------------------------------

(a.p.)
Una buona giornata a tutti
-----------------

Solo mini specificazioni..
Potranno-penso- evitare brutte esperienze a qualcuno

per quando si ricorra al timolo ( Api life var-Apiguard..)

Anzitutto ricordo subito che ogni singolo trattamento va fatto solo dopo aver gestito un conteggio percentuale quotidiana di varroe in caduta naturale

Voce varroa
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Conteggio varroe ( 2 files)
.
Se la percentuale quotidiana supera le due e magari arriva oltre , o più. delle dieci.. è obbligatorio l’intervento.

Non si può agire solo a capocchia, a lume di naso..

----------------------------
“Mettere una trappola a tutte le arnie, altrimenti.!”
Esatto. Ma vanno fatte anche qui delle distinzioni

Se uno avesse piglia polline, ma da sotto nido, non solo da ingresso.. ( con relative foto allegati) Vedi
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
), potrà ugualmente
trattare l’’unica arnia,

perché le api dell’ospitante non trovano difficoltà nell’operazione.

Possono, infatti, entrare come al solito e soltanto quando sono già dentro, incontrano “l’ostacolo”,
che è appena sopra alla loro testa
per cui sentono-percepiscono di essere ancora alle prese nientemeno che con tutti i loro favi di covata, appena sopra

( Forse, alla Fiera di Piacenza, il falegname apicoltore Tassone
Stand ultimo , in fondo a destra)

porterà in fiera i mie due prototipi pigliapolline
con l’ultimo telaio retinato per confinamento regina
Vedi
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

voce varroa Confinamento regina su unico favo. Allegato dello stesso
Non sono per nulla socio in affari
-----------------------------------------
(Sottovoce.

Ancora una volta e "volentieri"mi sobbarcherò
la spesa economica di tre giorni per il gran bene
che sento di volere alle api.
------------------------------
Ve la immaginate una pigliapolline con 9.000 ingressi invece di solo qualche migliaio o meno?

Con polline che posso prelevare anche al terzo giorno, perché bene protetto nell’arnia stessa?
---------------------------------------------------
Per le tavolette al timolo –come detto-

compreso il ricorrere ai due grammi di Timolo in cristalli
(www.apicolturapercelsi.it Voce Varroa. Timolo in cristalli..)

se si accudisce solo un’arnia in mezzo alle altre, tutte le bottinatrici in arrivo, sceglieranno l’ingresso delle due vicine..

La stessa arnia, trattata, se infastidita troppo, uscirà sul davanzale e poi, in fila processionale, con api “capi popolo”-portabandiera ventileranno ansioliticamente (!?) per indicare da che parte bisogna assolutamente andare.

Cosa fare, allora?
Far retrocedere subito il coprinido, quanto basta per garantire immediata piena ossigenazione

finché non si noti il cessare della reazione e poi far combaciare l’’intero “soffitto” della camera per covata, sull’intera periferia dell’arnia...
------------------------------------------------------------------------

Al massimo, si potrebbe ricorrere ancora a questi tipi di timolo, ma in una serata termicamente buona, tenendo, inizialmente. scoperti anche metà di favi finché non si noti una accettazione dell’evaporazione .

------------------------------------------
Nota ultima psicoeuforizzante..
--------------------
Una mia singola arnia a fine gennaio

mi aveva dato una caduta di circa 70 varroe che ho potuto conteggiare bene nonostante lo zucchero a velo inframezzato,
versando il tutto in una mini bacinella, nauralmente con un po' d'acqua--

Zucchero sciolto-scomparso immediatamente e varroe galleggianti, ben visibili, addirittura elettrostatizzate contro i bordi dello stesso contenitore
-----------
( Detto volutamente con dose alta di acido formico ( non però mortale!)

A chi respirasse a fondo, quasi soffrendo per questa cifra impressionante, sappia che teoricamente io sarei disposto ad andare a controllare le sue nonostante le varie sublimazioni novembrine "con totale eradicamento delle varroe"..)


Ed ora come non detto, quanto appena lasciato uscire dal mio apparato pungitore anagraficamente molto inoltrato nell'autunno della vita,
riprendo e completo la buona notizia.
-----------------------

Dalla settimana scorsa caduta quotidiana noto solo due-tre
Ci sono stati problemi di

varroe sotto opercolo? Nessuno.
------------------------------
Solo il 20 di febbraio u.s. le prime quattro dita di covata opercolata.

Purtroppo continuiamo a parlare di blocco di covata

senza fare la distinzione che la regina continua ancora sempre a deporre quanto meno un quattro dita nella parte centrale, la più calda e presidiata da tantissime api..

Queste però

non collaorano ( e giustamente!) a far proseguire le fasi successive dallo stadio di uova e tanto meno, quello di larve mai "scamiciate" dall'uovino stesso.

----------

Mie prove rudimentali, primitive. di uomo cavernicolo, ma già con il bernoccolo dello scienziato -filosofo Bacone.

Voler provare-. riconfermare ciò che ho già visto..


Posso, grazie a termoventilatore scarrucolabile sopra ad ogni arnia, in brevissimo tempo, visionare

dove la regina ha deposto i suoi quasi invisibili uovini.
Infiggo 4 puntine da disegno cme quadrilatero da ricontrollare.

Ebbene dopo 4 gg non c'è larva, nè completa nè incompleta..

Queste uova restano tali anche per quindici giorni.

Non vi so ancora dire se queste uova vengano poi espulse perché percepite come necrofore o se dopo 3/4 giorni siano fagocitate...


-------------

Buona giornata. Bis
dallo "Zio" Adolfo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
adolfope@tin.it








Registrato: 19/01/10 19:06
Messaggi: 327
adolfope@tin.it is offline 



Impiego: Tango argentino.Sci non acrobatico
Sito web: http://www.apicolturap...

MessaggioInviato: Lun Mar 01, 2010 3:14 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

stefanoada ha scritto:
io ho provato l'anno scorso, ...

una raccomandazione quando metti le trappole, mettile in tutte le casse dell'apiario, altrimenti potrebbe verificarsi il fenomeno della deriva.
stefano


--------------------
Ciao stefanoada.
Scusami se mi servo ancora della tua "vetrina"
----------------------------------------------------------

(a.p.)
Una buona giornata a tutti
-----------------

Solo mini specificazioni..
Potranno-penso- evitare brutte esperienze a qualcuno

per quando si ricorra al timolo ( Api life var-Apiguard..)

Anzitutto ricordo subito che ogni singolo trattamento va fatto solo dopo aver gestito un conteggio percentuale quotidiana di varroe in caduta naturale

Voce varroa
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Conteggio varroe ( 2 files)
.
Se la percentuale quotidiana supera le due e magari arriva oltre , o più. delle dieci.. è obbligatorio l’intervento.

Non si può agire solo a capocchia, a lume di naso..

----------------------------
“Mettere una trappola a tutte le arnie, altrimenti.!”
Esatto. Ma vanno fatte anche qui delle distinzioni

Se uno avesse piglia polline, ma da sotto nido, non solo da ingresso.. ( con relative foto allegati) Vedi
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
), potrà ugualmente
trattare l’’unica arnia,

perché le api dell’ospitante non trovano difficoltà nell’operazione.

Possono, infatti, entrare come al solito e soltanto quando sono già dentro, incontrano “l’ostacolo”,
che è appena sopra alla loro testa
per cui sentono-percepiscono di essere ancora alle prese nientemeno che con tutti i loro favi di covata, appena sopra

( Forse, alla Fiera di Piacenza, il falegname apicoltore Tassone
Stand ultimo , in fondo a destra)

porterà in fiera i mie due prototipi pigliapolline
con l’ultimo telaio retinato per confinamento regina
Vedi
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

voce varroa Confinamento regina su unico favo. Allegato dello stesso
Non sono per nulla socio in affari
-----------------------------------------
(Sottovoce.

Ancora una volta e "volentieri"mi sobbarcherò
la spesa economica di tre giorni per il gran bene
che sento di volere alle api.
------------------------------
Ve la immaginate una pigliapolline con 9.000 ingressi invece di solo qualche migliaio o meno?

Con polline che posso prelevare anche al terzo giorno, perché bene protetto nell’arnia stessa?
---------------------------------------------------
Per le tavolette al timolo –come detto-

compreso il ricorrere ai due grammi di Timolo in cristalli
(www.apicolturapercelsi.it Voce Varroa. Timolo in cristalli..)

se si accudisce solo un’arnia in mezzo alle altre, tutte le bottinatrici in arrivo, sceglieranno l’ingresso delle due vicine..

La stessa arnia, trattata, se infastidita troppo, uscirà sul davanzale e poi, in fila processionale, con api “capi popolo”-portabandiera ventileranno ansioliticamente (!?) per indicare da che parte bisogna assolutamente andare.

Cosa fare, allora?
Far retrocedere subito il coprinido, quanto basta per garantire immediata piena ossigenazione

finché non si noti il cessare della reazione e poi far combaciare l’’intero “soffitto” della camera per covata, sull’intera periferia dell’arnia...
------------------------------------------------------------------------

Al massimo, si potrebbe ricorrere ancora a questi tipi di timolo, ma in una serata termicamente buona, tenendo, inizialmente. scoperti anche metà di favi finché non si noti una accettazione dell’evaporazione .

------------------------------------------
Nota ultima psicoeuforizzante..
--------------------
Una mia singola arnia a fine gennaio

mi aveva dato una caduta di circa 70 varroe che ho potuto conteggiare bene nonostante lo zucchero a velo inframezzato,
versando il tutto in una mini bacinella, nauralmente con un po' d'acqua--

Zucchero sciolto-scomparso immediatamente e varroe galleggianti, ben visibili, addirittura elettrostatizzate contro i bordi dello stesso contenitore
-----------
( Detto volutamente con dose alta di acido formico ( non però mortale!)

A chi respirasse a fondo, quasi soffrendo per questa cifra impressionante, sappia che teoricamente io sarei disposto ad andare a controllare le sue nonostante le varie sublimazioni novembrine "con totale eradicamento delle varroe"..)


Ed ora come non detto, quanto appena lasciato uscire dal mio apparato pungitore anagraficamente molto inoltrato nell'autunno della vita,
riprendo e completo la buona notizia.
-----------------------

Dalla settimana scorsa caduta quotidiana noto solo due-tre
Ci sono stati problemi di

varroe sotto opercolo? Nessuno.
------------------------------
Solo il 20 di febbraio u.s. le prime quattro dita di covata opercolata.

Purtroppo continuiamo a parlare di blocco di covata

senza fare la distinzione che la regina continua ancora sempre a deporre quanto meno un quattro dita nella parte centrale, la più calda e presidiata da tantissime api..

Queste però

non collaorano ( e giustamente!) a far proseguire le fasi successive dallo stadio di uova e tanto meno, quello di larve mai "scamiciate" dall'uovino stesso.

----------

Mie prove rudimentali, primitive. di uomo cavernicolo, ma già con il bernoccolo dello scienziato -filosofo Bacone.

Voler provare-. riconfermare ciò che ho già visto..


Posso, grazie a termoventilatore scarrucolabile sopra ad ogni arnia, in brevissimo tempo, visionare

dove la regina ha deposto i suoi quasi invisibili uovini.
Infiggo 4 puntine da disegno cme quadrilatero da ricontrollare.

Ebbene dopo 4 gg non c'è larva, nè completa nè incompleta..

Queste uova restano tali anche per quindici giorni.

Non vi so ancora dire se queste uova vengano poi espulse perché percepite come necrofore o se dopo 3/4 giorni siano fagocitate...


-------------

Buona giornata. Bis
dallo "Zio" Adolfo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Prodotti dell'alveare Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 2 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum


Indice del forum


apicoltura topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008